SPETTACOLI > WALKABOUT "MAMMARANCA" E WHISPER TALK DI E CON CARLO INFANTE - URBAN EXPERIENCE

WALKABOUT "MAMMARANCA" E WHISPER TALK DI E CON CARLO INFANTE - URBAN EXPERIENCE WALKABOUT
15 NOVEMBRE 2018 dalle ore 16:00
SPAZIO OSC, VIA NEWTON 12, CAGLIARI

15 NOVEMBRE 2018

dalle ore 16:00 partenza dallo Spazio Osc, Cagliari

WALKABOUT "MAMMARANCA"

Conversazione itinerante - Urban Experience


conduce Carlo Infante: changemaker, docente freelance di Performing Media, progettista culturale, fondatore di Urban Experience e scenarista per la resilienza futura.


C'è un canale artificiale che attraversa tutta Cagliari e Pirri in particolare, nasce nell'attuale Parco di Terramaini per costeggiare le varie saline.
Ha un bel suono: mammarrànca e sembra evocare una sorta di essere fantastico con braccia ed unghie lunghissimo inventato dalle madri per spaventare i figli e tenerli lontani dal pericolo di quei canali.
Seguiremo il suo corso per leggere quel "paesaggio umano" costeggiando quel canale che veniva utilizzato dalle imbarcazioni che trasportavano il sale e ora a tratti abusato come discarica.
Walkabout significa “cammina in giro e a tema”: è un format di performing media in cui conversazioni peripatetiche si combinano con trasmissioni radiofoniche nomadi, per un’esplorazione partecipata.
Una suggestione di fondo è in quella parola inglese che rimanda al viaggio rituale che gli australiani aborigeni intraprendono attraversando a piedi le distese dell’outback, le aree interne più remote che si estendono in quelle semi-desertiche del bush. Il termine fu coniato dai proprietari terrieri bianchi australiani per riferirsi agli Aborigeni che sparivano dalle loro proprietà, e dei quali si diceva “gone walkabout” (andato in walkabout). Quando fu rilanciato da Bruce Chatwin in “La via dei canti” quella parola impattò in modo straordinario, innestandosi sulla sensibilità psicogeografica situazionista già messa in campo, nel Movimento del 1977 a Roma, con gli indiani metropolitani.
Urban Experience gioca con questa definizione associandola a “talkabout” (parlare di…), rilanciando così le esplorazioni urbane che coniugano cose semplici come passeggiate e conversazioni con le complessità inedite del Performing Media-storytelling in cui la narrazione partecipata è inscritta nell’azione “aumentata” dall’uso
dei media radio e web.
Queste conversazioni nomadi caratterizzate dall’ausilio di smartphone e cuffie collegate ad una radioricevente (whisper radio) permettono di ascoltare le voci dei walking-talking heads e repertori audio predisposti, in un flusso radiofonico che ricompone le tracce di memorie rilevate nel territorio in un'azione ludico-partecipativa che  libera quell'intelligenza connettiva espressa da una comunita che esplora conversando.


A SEGUIRE:
alle ore 18:30, Spazio Osc, Via Newton 12, Cagliari
Whisper Talk "Il Performing Media Storytelling per sondare le Meraviglie del Possibile, tra Naturale e Artificiale"
conversazione tra Silvano Tagliagambe e Carlo Infante

Photo Screening delle immagini realizzate durante il WALKABOUT da Laura Farneti- Le Pomme fotostudio - e interazione poetica di Sergio Garau (poetry slammer).

Una riflessione circostanziata su come le pratiche di performing media esprimano uno storytelling sostanziale, nell’ibridazione narrazione-azione, facendo direttamente “parlare” i territori,creando le condizioni abilitanti, ludiche e partecipative, per mettersi in sintonia con il genius loci mentre lo si esplora. I format di performing media sono di fatto inscritti in un'evoluzione dell'interaction design, coniugando radiofonia e realtà aumentata, attraverso una sensibilità che va oltre il dato etnografico di rilevazione delle storie per bensì rivelarle nelle geografie che si abitano, sia stabilmente sia in via temporanea come nelle performance partecipative dei walkabout .
 


SU CARLO INFANTE (biografia e suoi progetti):
> http://www.performingmedia.org/profilo-esteso
> http://www.performingmedia.org/profilo-sintetico
> http://urbanexperience.it

 

Per maggiori info:

scrivere a info@kyberteatro.it

o chiamare ai numeri tel.  070 86 07 175 / cell. 347 04 84 783