Non categorizzato

CONFERENZA E TALK EMAP -EUROPEAN MEDIA ART PLATFORM- CON I PROTAGONISTI DELLA MEDIA ART LOCALE – VENERDI’ 6 DICEMBRE H 10.30, SA MANIFATTURA, CAGLIARI

By 3 Dicembre 2019 No Comments

VENERDì 6 DICEMBRE ORE 10.30 MATTINA,
Sa Manifattura, VIALE REGINA MARGHERITA, 33

CONFERENZA E TALK “EMAP EUROPEAN MEDIA ART PLATFORM MEETS SARDINIA MEDIA ART”.

Con @Peter Zorn e @Marcie K. Jost(Germania), Manager della piattaforma @EMAP (European Media Art Platform) e i Protagonisti della Media Art Locale:
@Nevina Satta- Direttrice Sardegna Film Commission;
@Daniele Dore: Vice Direttore de l’Accademia di Belle Arti “Mario Sironi” – Sassari e Coordinatore del Centro Risorse ART LAB di Sassari, Cattedra di sistemi interattivi.
@Pier Paolo Luvioni – Docente di tecniche per la scultura e fablab, manager dell’Art Lab;
@Riccardo Gagliarducci – docente di Culture digitali e modellazione 3D.

Conduce @Carlo Infante (changemaker, docente freelance di Performing Media, progettista culturale, fondatore di Urban Experience , Roma).
Saluti iniziali di Sardegna Ricerche. Introduce Ilaria Nina Zedda – Direttrice artistica e organizzativa del Festival LMDP – Kyber Teatro.

Saranno presenti gli studenti e le studentesse del Liceo Artistico e musicale “Foiso Fois”di Cagliari e del Liceo Artistico ” G. Brotzu” di Quartu.S.E.

INGRESSO LIBERO.

European Media Art Platform.

Da quasi 25 anni, il programma EMAP / EMARE (European Media Artists in Residence Exchange) avviato a Werkleitz – Center for Media Art Saxony-Anhalt werkleitz.de nel 1995, sostiene la produzione di nuove opere d’arte visive e multimediali.
Dal 2018 il programma EMARE, si occupa di sostenere i giovani artisti attraverso delle residenze artistiche della durata di due mesi, per la creazione di nuove produzioni in media art.
Il programma Emare è gestito dalla European Media Art Platform (EMAP), composta da 11 principali organizzazioni europee di media Art quali il Festival Ars Electronica di Linz o il Centro culturale Onassis in Grecia, con il sostegno del programma culturale della Commissione europea Europa creativa.
Le produzioni di residenza spaziano da cortometraggi, installazioni, video, applicazioni interattive, arte del suono e web, performance mediatiche, realtà aumentata e virtuale, robotica,Intelligenza artificiale e bio-arte.
Successivamente le opere scelte, vengono fatte circuitare tra i diversi Festival Partners e sono promosse in musei, gallerie, cinema e altre istituzioni in tutto il mondo.
Link: http://www.emare.eu/

Nella Conferenza del 6 Dicembre 2019 a Cagliari, promossa da Kyber Teatro all’interno del Festival Internazionale di Teatro Arte Nuove Tecnologie “Le Meraviglie del Possibile” i Manager EMAP Peter Zorn e Marcie . K.Jost presenteranno la piattaforma e le condizioni per la partecipazione, alcuni esempi video dei progetti vincitori di EMARE e infine si discuterà delle residenze artistiche nell’ambito teatrale digitale.

BREVE BIO PETER ZORN .
Peter Zorn ha studiato negli anni 1990 – 95 nella classe di film sperimentale del Prof. Birgit Hein presso l’Accademia di Belle Arti di Brunswick.
Ha co-fondato la werkleitz Association, il Center for Media Art Saxony-Anhalt, Germania. Nel 1995 ha avviato e da allora gestito l’European Artists in Residence Exchange (EMARE) che si è ampliato ed è ospitato dal 2018 dalla European Media Art Platform (EMAP), ha gestito numerosi progetti e programmi finanziati dall’UE, è codirettore del Werkleitz Biennale/ Festival di Werkleitz e dal 2011 direttore della Master Class di Media professionali di Werkleitz. Insieme a Marcie Jost gestisce la società di produzione Worklights Media Production. Lavora come produttore, ricercatore di mezzi di comunicazione e curatore / esperto di arte dei media (vale a dire per il Goethe Institute) a Werkleitz e Halle (Saale).

Breve BIO MARCIE K. JOST.
Marcie K. Jost è membro del comitato di selezione del campus dei talenti della Berlinale. È produttrice in ambito culturale e di film, direttore di festival come la Biennale di Werkleitz,import-Export – trasferimenti culturali tra India e Germania, Austria, festival D-motion per media interattivi, forum internazionale di Ostranenie per l’arte dei media elettronici. Ha lavorato per la Bauhaus Dessau Foundation, K.I.E.Z. e.V. Dessau, Werkleitz Gesellschaft e.V., House of World Cultures Berlin e Corduafilm Berlin.

BREVE BIO CARLO INFANTE.
Carlo Infante è changemaker, docente di Performing Media e fondatore di Urban Experience. Ha diretto festival (Scenari dell’Immateriale), condotto (anche come autore) trasmissioni su Radio1 e Radio3, RAI3, RAInews24. E’ autore di Educare on line (1997, Netbook), Imparare giocando (Bollati Boringhieri, 2000), Edutainment (Coop Italia, 2003), Performing Media (Novecentolibri, 2004), Performing Media 1.1 Politica e poetica delle reti (Memori, 2006), di molti altri saggi e articoli per più testate (tra cui NOVA-Sole24ore, Tiscali, L’Unità, La Nuova Ecologia). E’ tra i fondatori di Stati Generali dell’Innovazione e fa parte del comitato scientifico di Symbola.